Castello di Fonterutoli


Concerto di Fonterutoli

Toscana IGT

La leggenda continua

“Concerto” è nato nel 1981 sull’onda di una viticultura consapevole di un potenziale ancora inespresso, che sperimentava nuove forme di allevamento e nuovi uvaggi includendo anche varietà non autoctone; fu uno dei precursori e dei primi 10 protagonisti del fenomeno dei cosiddetti “Super Tuscans”.
Azienda: Castello di Fonterutoli
Ubicazione azienda: Chianti Classico, Toscana
Uvaggio: 80% Sangiovese, 20% Cabernet Sauvignon
Alcool: 14.10%
Acidità totale: 5.90‰
Ubicazione vigneti: Fonterutoli (Castellina in Chianti) 330-560 m.s.l.m.: Sangiovese - Vigneto Scassi, 350 m.s.l.m. / Cabernet - Vigneto Brotine, 350 m.s.l.m.
Tipologia del terreno: Ricco in scheletro per disfacimento rocce di alberese e galestro
Età delle vigne: 20 - 35 anni
Sistema di allevamento: Cordone speronato e Guyot
Densità viti per ettaro: 5.600 - 7.500 piante
Vendemmia: Effettuata a mano dal 21 Settembre
Temperatura di fermentazione: 26 - 28 °C
Tempo di macerazione: 14 - 18 giorni
Maturazione: 18 mesi in piccoli fusti di rovere francese da 225 lt (70% nuovi)
Finissage: 4 mesi in vasche di cemento
Imbottigliamento: luglio 2020
Uscita: novembre 2020
Produzione: 26500 bottiglie
Formati: 375 ml - 750 ml - 1,5 lt - 3 lt - 6 lt - 12 lt
Confezionamento: Cassa di legno
Prima annata prodotta: 1981
Potenziale di invecchiamento: Oltre 20 anni
Profilo: Ricco e succoso, note di sottobosco e frutti neri, retrogusto potente ma fine

Scheda Tecnica

Vendemmia

L’annata 2018 è stata caratterizzata da un inverno dinamico, con correnti settentrionali a dicembre e febbraio e clima mite in gennaio, con abbondanti precipitazioni, sia nevose sia piovose, grazie alle quali si è riusciti a colmare il grave deficit idrico degli anni precedenti. La primavera ha fatto registrare temperature al di sopra della media stagionale, sempre con abbondanti precipitazioni. Il germogliamento è stato precoce ma senza problemi di sorta.
Dal 10 giugno le temperature hanno ricominciato a salire e nella zona del Chianti Classico si è avuta una buona estate con piogge ben distribuite. Dopo un luglio e un agosto piuttosto regolari, il mese di settembre ha visto un susseguirsi di giornate soleggiate ma con una grande escursione termica fra giorno e notte, che ha consentito di portare a una corretta maturazione fenolica e aromatica le uve dell’azienda. In sostanza una vendemmia molto soddisfacente dal punto di vista quantitativo e soprattutto da quello qualitativo.

Inizio vendemmia: 12 settembre
Fine vendemmia: 8 ottobre
Piogge (Somma delle precipitazioni dal 1/4 al 30/9): 491 mm
Indice temperature (Somma della temperatura media giornaliera dal 1/4 al 30/9): 3666 °C
Valutazione: Ottima