Castello di Fonterutoli


Siepi

Toscana IGT

"Uno dei 50 vini che hanno cambiato lo stile del vino italiano" (Gambero Rosso)

Fin dalle origini Siepi, proprietà della famiglia Mazzei dal 1435, è un podere modello, lavorato ancora oggi con lo stesso rispetto per il territorio. Una posizione unica, un microclima speciale, l'intuizione dell'inizio degli anni Ottanta di impiantare il Merlot come complementare ideale del Sangiovese in un "terroir" particolarmente vocato danno vita a un vino dall'equilibrio perfetto tra eleganza, potenza e complessità.
Azienda: Castello di Fonterutoli
Ubicazione azienda: Chianti Classico, Toscana
Uvaggio: 50% Sangiovese, 50% Merlot
Alcool: 14.53%
Acidità totale: 5.90‰
Ubicazione vigneti: Siepi (Castellina in Chianti): 260 m.s.l.m.; esposizione S-S/O
Tipologia del terreno: Prevalenza di Alberese
Età delle vigne: 20 - 33 anni
Sistema di allevamento: Cordone speronato e Guyot
Densità viti per ettaro: 4.500 - 6.500 piante
Vendemmia: Effettuata a mano il 12 Settembre (Merlot), il 22 Settembre (Sangiovese)
Vinificazione: a 26 - 28° C, in tini di acciaio
Tempo di macerazione: 14 (Merlot), 18 (Sangiovese) giorni
Maturazione: 18 mesi in piccoli fusti di rovere francese da 225 lt (70% nuovi)
Finissage: 4 mesi in vasche di cemento
Imbottigliamento: giugno 2020
Uscita: ottobre 2020
Produzione: 38000 bottiglie
Formati: 750 ml - 1,5 lt - 3 lt - 6 lt - 12 lt - 18 lt
Confezionamento: Cassa di legno da 6 bottiglie (750 ml), cassa di legno singola (altri formati)
Prima annata prodotta: 1992
Potenziale di invecchiamento: Oltre 20 anni
Profilo: Monumentale, note croccanti di sambuco, prugne, piccoli frutti, legno di sandalo, tabacco, finale decisamente lungo, definito e chiaro
Abbinamenti: Piatti ricchi e strutturati, umidi, cacciagione, formaggi erborinati

Scheda Tecnica

Vendemmia

L’annata 2018 è stata caratterizzata da un inverno dinamico, con correnti settentrionali a dicembre e febbraio e clima mite in gennaio, con abbondanti precipitazioni, sia nevose sia piovose, grazie alle quali si è riusciti a colmare il grave deficit idrico degli anni precedenti. La primavera ha fatto registrare temperature al di sopra della media stagionale, sempre con abbondanti precipitazioni. Il germogliamento è stato precoce ma senza problemi di sorta.
Dal 10 giugno le temperature hanno ricominciato a salire e nella zona del Chianti Classico si è avuta una buona estate con piogge ben distribuite. Dopo un luglio e un agosto piuttosto regolari, il mese di settembre ha visto un susseguirsi di giornate soleggiate ma con una grande escursione termica fra giorno e notte, che ha consentito di portare a una corretta maturazione fenolica e aromatica le uve dell’azienda. In sostanza una vendemmia molto soddisfacente dal punto di vista quantitativo e soprattutto da quello qualitativo.

Inizio vendemmia: 12 settembre
Fine vendemmia: 8 ottobre
Piogge (Somma delle precipitazioni dal 1/4 al 30/9): 491 mm
Indice temperature (Somma della temperatura media giornaliera dal 1/4 al 30/9): 3666 °C
Valutazione: Ottima