Castello di Fonterutoli


Siepi

Toscana IGT

"Uno dei 50 vini che hanno cambiato lo stile del vino italiano". Gambero Rosso.

Fin dalle origini Siepi, proprietà della famiglia Mazzei dal 1435, è un podere modello, lavorato ancora oggi con lo stesso rispetto per il territorio. Una posizione unica, un microclima speciale, l'intuizione dell'inizio degli anni Ottanta di impiantare il Merlot come complementare ideale del Sangiovese in un "terroir" particolarmente vocato danno vita a un vino dall'equilibrio perfetto tra eleganza, potenza e complessità.
Azienda: Castello di Fonterutoli
Ubicazione azienda: Chianti Classico, Toscana
Uvaggio: 50% Sangiovese, 50% Merlot
Alcool: 14.20%
Acidità totale: 6.70‰
Ubicazione vigneti: Siepi: 260 m.s.l.m.; esposizione S-S/O
Tipologia del terreno: Prevalenza di Alberese
Età delle vigne: 19 - 32 anni
Sistema di allevamento: Cordone speronato e Guyot
Densità viti per ettaro: 4.500 - 6.500 piante
Vendemmia: Effettuata a mano il 31 Agosto (Merlot), il 13 Settembre (Sangiovese)
Vinificazione: a 26 - 28° C, in tini di acciaio
Tempo di macerazione: 14 (Merlot), 18 (Sangiovese) giorni
Maturazione: 18 mesi in piccoli fusti di rovere francese da 225 lt (70% nuovi)
Finissage: 4 mesi in vasche di cemento
Imbottigliamento: giugno 2019
Uscita: ottobre 2019
Produzione: 29500 bottiglie
Formati: 750 ml - 1,5 lt - 3 lt - 6 lt - 12 lt - 18 lt
Confezionamento: Cassa di legno da 6 bottiglie (750 ml), cassa di legno singola (altri formati)
Prima annata prodotta: 1992
Potenziale di invecchiamento: Oltre 20 anni
Profilo: Monumentale, note croccanti di sambuco, prugne, piccoli frutti, legno di sandalo, tabacco, finale decisamente lungo, definito e chiaro
Abbinamenti: Piatti ricchi e strutturati, umidi, cacciagione, formaggi erborinati

Scheda Tecnica

Vendemmia

È difficile ricordare una stagione come quella che ha caratterizzato la vendemmia 2017, dove gli eventi climatici si sono susseguiti con un’inusuale ed eccezionale portata.
Dopo una gelata intorno al 20 di aprile, la primavera e l’estate hanno avuto scarsissime precipitazioni e temperature estive con punte piuttosto elevate, che hanno generato un certo stress idrico, con un ridotto ingrossamento degli acini e un netto calo del peso dei grappoli in generale.
La vendemmia è iniziata con molto anticipo sui vitigni più precoci. Per il Sangiovese la decisione, coraggiosa e vincente, è stata di attendere le piogge di settembre, circa 130 mm in 20 giorni unite a un notevole abbassamento termico con minime che hanno raggiunto i 5°C, che hanno dato una vera svolta alle uve rimaste in pianta.
La qualità delle uve pertanto è risultata piuttosto eterogenea, con punte di ottimo livello qualitativo e complessivamente decisamente superiore alle attese. Il 2017 è una delle classiche annate nelle quali per raggiungere importanti risultati sono necessari una grande esperienza e un’attenta gestione del singolo vigneto, con un approccio tagliato su misura parcella per parcella.

Inizio vendemmia: 21 agosto
Fine vendemmia: 28 settembre
Piogge (Somma delle precipitazioni dal 1/4 al 30/9): 257,6 mm
Indice temperature (Somma della temperatura media giornaliera dal 1/4 al 30/9): 3638,45 °C
Valutazione: Buona